MARINO. PCD’I: KUTSO CHE LISTA! Eleonora Di Giulio si impegna con Matteo Gabbianelli per la soluzione pubblica, sportiva e culturale del Palaghiaccio.

treNella Lista del Partito Comunista d’Italia, in questa tornata 2016 per le amministrative del comune di Marino, tra i candidati ci sarà Matteo Gabbianelli (Kutso). Pur provenendo da Roma, Matteo è discendente di una famiglia di sinistra, con iscritti comunisti residente negli anni a Marino, più precisamente a Cava dei Selci. Ora le sue qualità artistiche sempre più lo hanno affinato nella ricerca culturale che metta insieme giovani e musica. Ribellione e conoscenza. Passione e dedizione. Le “non regole” certamente non fatte di vuoto, ma di curiosità e di opportunità vera per le vite dei giovani e di tutti gli individui. Questa presenza nella Lista, di Matteo  è vista come un valore aggiunto. Egli stesso la illustra come impegno, nel luogo in cui vive ed abita – anche se poi, in pratica vive ed abita il mondo –, unita al binomio giovani e musica, trasformandolo in un pensiero efficace di giovani, musica e territorio. In una intervista sotto il palco del Concertone del Primo Maggio Matteo ebbe a dire “Il nostro sorriso, quello dei Kutso, è contro l’arroganza  dell’autorità, contro chi con prepotenza e ipocrisia si arroga il diritto di dirigere questo Paese senza avere alcuna competenza. Il sorriso è la rivoluzione.”. sergiomatteoEleonora Di Giulio, candidata Sindaco del comune di Marino, in occasione della conoscenza diretta di Matteo Gabbianelli, dopo aver approfondito alcune questioni del programma ha dichiarato: “Proprio il nostro impegno che si basa su un solco di assoluta legalità e trasparenza, di lotta alla corruzione e di difesa del bene diffuso delle cose pubbliche, siano materiali che immateriali, ci fanno mettere immediatamente in sintonia non solo con le persone, i giovani e giovanissimi che rappresenta per empatia e comunanza Matteo, ma ci mette in totale sintonia proprio sulle aspettative e su quanto reciprocamente ci impegniamo a fare. In particolare – conclude Eleonora Di Giulio – proprio la richiesta di Gabbianelli di una visione ad area larga dell’utilizzo di strutture, ad esempio come  l’ex Palaghiaccio, che possono essere ancora riallocate in chiave pubblica e a servizio non solo di un business ma di un movimento economico virtuale capace di dare un punto di riferimento che manca, non solo a Marino e nei Castelli romani, ma anche a Roma e in Italia. Questa intuizione e richiesta programmatica noi la facciamo nostra e Matteo ci aiuterà a realizzarla”. maedgmgezIl segretario del PCdI, Maurizio Aversa, nella stessa occasione ha espresso soddisfazione per la scelta di Matteo di dare ulteriore qualità, culturale e giovanile, alla lista comunista. Con una punta di ottimismo ha voluto ricordare un parallelo storico e politico. “Negli anni settanta – illustra il segretario comunista – vivemmo una stagione bellissima per tornare a guidare il comune di Marino dopo una parentesi democristiana. Furono gli anni in cui un giovane, tal Vittorio Nocenzi, leader di una band nascente, il Banco del Mutuo Soccorso, si presentò nella lista comunista e fu eletto e realizzò un pezzo del programma annunciato. Poi continuò, com’era naturale che fosse, ad inanellare successi artistici e riscontri culturali di spessore. Ecco, nella sua specificità, e nello spazio temporale differente, ci auguriamo che Matteo Gabbianelli possa svolgere un esordio simile, e possa continuare, dopo aver realizzato un pezzo di programma nel Comune di Marino, i suoi progressi e successi artistici e culturali per se stesso e il suo gruppo, così come per i milioni di giovani che li seguono e la cultura italiana tutta.”.

Annunci

2 pensieri su “MARINO. PCD’I: KUTSO CHE LISTA! Eleonora Di Giulio si impegna con Matteo Gabbianelli per la soluzione pubblica, sportiva e culturale del Palaghiaccio.

  1. La candidatura di personaggi di spicco della Cultura nazionale è sempre una buona notizia per i Cittadini. L’unico chiarimento, a proposito dell’articolo, riguarda la struttura del Palaghiaccio, che sembrerebbe essere stata già acquisita da una società della grande distribuzione. Dall’articolo traspare la speranza che vi sia ancora la possibilità di un utilizzo a beneficio della cittadinanza. E’ forse troppo tardi per continuare a nutrire questa speranza ?
    Grazie dell’attenzione.
    michele t.

    Mi piace

    1. La risposta secca al quesito di Michele Terra è SI. La speranza se non vago ottimismo si basa sul fatto che chiunque voglia attivare iniziative economiche derivanti dalla vendita da fallimento delle quote della società che gestiva il Palaghiaccio, deve avere a che fare con l’amministrazione nei vari aspetti. Esempi: se il centrosinistra potrà governare la città, invertirà la tendenza ad uccidere il commercio locale con altre riproposizioni di mega centri commerciali. Se il centrosinistra potrà governare la città, farà valere il grandissimo credito che il comune di Marino vanta nei confronti dell’ex gestore. Se il centrosinistra potrà governare la città, un ruolo non municipalista, non solo di area castellana ma romana e nazionale nell’utilizzo di strutture (già nate per lo sport) in simbiosi sport-cultura-spettacoli sarà un indirizzo certo. Ecco, per questi motivi, al quesito posto può essere risposto SI. Ripetiamo, sostenendo appieno la visione e la proposta del leader dei Kutso,se il centrosinistra potrà governare la città potremo farlo.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...